Pellegrinaggio Diocesano a Lourdes guidato dal nostro Arcivescovo Mons. Bruno Forte dal 24 al 28 luglio

Pellegrinaggio Diocesano a Lourdes guidato dal nostro Arcivescovo Mons. Bruno Forte dal 24 al 28 luglio

Anche la nostra parrocchia è stata rappresentata al Pellegrinaggio Diocesano a Lourdes guidato dal nostro Arcivescovo Mons. Bruno Forte dal 24 al 28 luglio. Sia Suor Teresa che la giovane Claudia Belforte hanno accolto l’invito della pastorale giovanile a seguire i passi di Santa Bernardette Soubirous per conoscere meglio il cuore di Maria. Del gruppo di 95 persone hanno fatto parte oltre che i giovani, anche il gruppo dei seminaristi dell’Arcidiocesi e quello dei “preti giovani” (dei primi 10 anni di ministero) accompagnati dal nostro parroco Don Domenico Spagnoli loro responsabile. Superate le fatiche del lungo viaggio in autobus con l’entusiasmo di chi ha troppa energia per arrendersi, le giornate si sono sviluppate nella visita ai luoghi della nascita e adolescenza della Veggente di Lourdes sempre guidati dalle parole di Padre Bruno. Ciò che subito i giovani hanno notato è il respiro universale delle celebrazioni, della processione eucaristica, della preghiera nelle cappelle: in tutte le lingue si lodava e si cantava il Signore e si percepiva, in modo palpabile, la bellezza di una Chiesa così variegata ma unita nella unica fede. L’incontro poi con il Vescovo di Tarbes-Lourdes, Mons. Nicolas Brouwet, che i nostri giovani hanno avuto in un dialogo prolungato e personale, ha fatto loro notare come nel Santuario si ritrova il rovesciamento dei canoni della società secolarizzata: a Lourdes il malato e il povero è messo al centro dei rapporti, e tutto deve tornare al servizio di quei più deboli che arricchiscono la vita di chiunque trovi il coraggio di mettersi al servizio. Non sono mancate le visite alla Grotta delle apparizioni e la Messa conclusiva del Pellegrinaggio è stata presieduta proprio da Padre Bruno in un clima di raccoglimento che ha toccato i nostri giovani. Il sorriso dei giovani, l’esperienza di Chiesa Diocesana immersa nel grande respiro Cattolico, la Via Crucis arricchita dalle testimonianze dei nostri stessi giovani e dai seminaristi, il clima suggestivo della preghiera in tutti i crocevia di Lourdes hanno certamente acceso nei partecipanti il desiderio di custodire quel dialogo interiore con Maria che indica la Via di Gesù. Maria che faceva sentire la povera analfabeta Santa Bernardette, trattata sorprendentemente con tutta la dignità di una figlia, Maria che dava del “Voi” alla giovanissima veggente e che le chiese “la grazia”, la cortesia di tornare più volte (in tutto 18) nel luogo delle apparizioni ci ricordi lo stile di Dio che invita e mai costringe i figli ad aprire il cuore con fiducia e libertà per una gioia che nessuno potrà strapparci.